Fabio Franzin, "Trent'anni di poesia e quarant'anni di fabbrica"

di Fabio Franzin -

05.05.20

 

Trascrizione delle poesie lette dal poeta Fabio Franzin, in occasione del Primo maggio 2020. 

 

 

Fabio Franzin è nato nel 1963 a Milano. Vive a Motta di Livenza, in provincia di Treviso. E' redattore della rivista di civiltà poetiche “Smerilliana”.

 

Ha pubblicato le seguenti opere di poesia:

Il groviglio delle virgole, Stamperia dell'arancio, 2005 (premio “Sandro Penna”), Pare (padre) Helvetia, 2006, Mus.cio e roe (Muschio e spine), Le voci della luna, 2007 (premio “San Pellegrino”, premio “Insula Romana” e premio “Guido Gozzano”) , Fabrica, Atelier, 2009 (Premio “Pascoli”, Premio “Baghetta”), Rosario de siénzhi (Rosario di silenzi – Rožni venec iz tišine) Postaja Topolove, 2010, edizione trilingue con traduzione in sloveno di Marko Kravos, Siénzhio e orazhión (Silenzio e preghiera) Edizioni Prioritarie, 2010, Co'e man monche (Con le mani mozzate) Le voci della luna, 2011 (premio “Achille Marazza”, finalista al premio “Antonio Fogazzaro”), Canti dell'offesa, Il Vicolo, 2011, Margini e rive, Città Nuova, 2012, Bestie e stranbi, Di Felice (I poeti di Smerilliana), 2013, Fabrica e altre poesie, Ladolfi editore, 2013, Sesti/Gesti, Puntoacapo, 2015, Erba e aria, Vydia, 2017 (Premio “Thesaurus” 2017, premio “Luciana Notari” 2018); Corpo dea realtà/Corpo della realtà, Puntoacapo, 2019 (Premio “Franco Fortini” 2019).

  

 

El Repetón po', e cussì

tant che ‘l par pròpio

lu, tee fabriche, ‘l parón;

tut un tun-tun de pache,

de sfiati, un gron-gron

 

continuo de rui e cadhéne…

e dee volte el par davéro

insoportàbie, come se

calcùn, chel dì, ‘l ‘vesse

levà de colpo el voeùme

 

fin a farte s.ciopàr ‘a testa;

‘bituàrse no' l'é fazhie, no'

l'é fazhie farlo deventàr

sol un sotfondo. In fondo

a chel rumór sta ‘a tortura

 

pì granda de òni operaio:

‘e paròe bisogna che ‘e se

stòrde in zhigo pa' esister,

là in mèdho, sorde ‘e vose

che ciama indrìo un sogno.

 

Fabriche come discoteche

senza bàeo. El siénzhio

se sconde sot ‘e tasse ‘ndo'

che l'òn che no' saeùdha

buta via ‘l veén pa' i sordi.

 

 

Il Frastuono poi, e così / assordante che sembra proprio / esso, nelle fabbriche, il padrone; / tutto un pulsare di colpi, / di sfiati, uno stridio // continuo di rulli e catene… e alle volte è davvero / insopportabile, come se / qualcuno, quel giorno, avesse / alzato di colpo il volume // sino a farti scoppiare la testa; / assuefarcisi non è semplice, non / è facile ridimensionarlo / a sottofondo. In fondo / a quel rumore sta la più sadica / tortura per ogni operaio: le parole debbono / piegarsi in urlo per esistere, / là in mezzo, sorde le voci / che chiamano a sé un sogno. // Fabbriche come discoteche / senza balli. Il silenzio / si nasconde sotto i bancali ove / l'uomo che non saluta mai / getta i bocconi avvelenati per i topi.


 

Me despiase

 

Ieri, el kosovaro che ‘l lavora co' mì

el me ‘à domandà se podhée prestarghe

zhinquanta euro, el se vardéa tii pie

 

pa' far su ‘l coràjo de chee paròe

chissà par quant rumegàdhe – lo sa

che ‘ò dó fiòi, el mutuo pa'a casa

 

e tut el resto – e za ‘l savéa, son sicuro

anca ‘a mé risposta, parché no'l se ‘à

ciapàdha, sì, sì, certo, capisco l'à dita

 

sgorlàndo ‘a testa intànt che ‘ndessi

verso i reparti, i guanti strenti tea man.

Però mi nò che no' lo riconossée pì

 

co'là che ghe ‘à tocà dir mi dispiace

proprio co' ièra drio sonàr ‘a sirena

e no' restéa tenpo nianca pa'a vergogna.

 

 

Mi dispiace

 

Ieri, il kosovaro che lavora con me / mi ha chiesto se potevo imprestargli / cinquanta euro, si guardava nei piedi // mentre formulava quella sua richiesta / chissà quanto a lungo meditata – lo sa / che ho due figli il mutuo per la casa // e tutto il resto – e sono sicuro conoscesse / anche la mia risposta perché non se l'è /  presa sì, sì, certo, capisco continuava // a dire scrollando la testa, intanto che ci avviavamo / verso i reparti, stretti i guanti nella mano. / Però io no che non lo riconoscevo // quello che ha dovuto dire mi dispiace / proprio quando suonava la sirena / e non c'era più tempo neanche per la vergogna.


 

Conpleàno

 

Incùo a dó mé coèghi de lavoro

- precari come mì: ‘na fémena

co' tre fiòi, e un tosàt bravo

e sguèlto - no' i ghe ‘à rinovà

el contràto. El ghe scadéa a fine

mese, fra tre dì. E 'dèss ciao.

I iera co' noàntri da sie mesi,

i se ‘à dat da far, e tuti ghe ‘ven

vussù ben. No'é colpa de nissun.

Purtròpo i ordini i ‘é caeàdhi,

e no'é pì posto par tuti. Li ‘ò

visti vègner fòra sòchi da l'oficio.

No' i se ‘o ‘spetéa nianca lori.

 

Li ‘ò vardàdhi lavoràr pa' chea

ora che manchéa prima dea sirena,

in banda al mé reparto, de spàe.

‘E só teste ‘ndar su e zo, intant

che i scocetéa ‘e scàtoe, seri

e veòci come se fusse un zorno

come altri, el bancàl da finìr

prima de sera, mèjio dó minuti

prima, cussì  da riussìr a darghe

anca ‘na scoàdha, ‘na bea netàdha.

 

Stamatina ‘ven festejà insieme

i mé zinquantun àni, tii zhinque

minuti de pausa – ‘ò portà un pochi

de pasticini, e coca-còea e fanta.

 

‘Dèss, intant che scrive, son casa.

I mé dó fiòi i me ‘à regaeà un libro

parón: quel grando un de poesia,

el pìcoeo un pa' sméter de fumàr.

 

Come che fae a dighe che le tante

de chee robe che fa pì mal de ‘na

cica, romài, te ‘sta realtà che sòfega?

Come che pòsse dirghe che poesia

ghin vede senpre manco, te ‘sto

mondo de squai e de pòri s.ciavi? 

 

 

Compleanno

 

Oggi a due miei colleghi - / precari come me: una donna / con tre figli, e un ragazzo / bravo e svelto  - non è stato rinnovato / il contratto di lavoro. Gli scadeva a fine / mese, fra tre giorni. Ed ora ciao. / Erano con noi da sei mesi, si sono dati da fare, e tutti gli abbiamo / voluto bene. Non è colpa di nessuno. /  Purtroppo gli ordinativi sono calati, / e non c'è più posto per tutti. Li ho / visti uscire mesti dall'ufficio. / Non se lo aspettavano neanche loro. // Li ho guardati lavorare per quell'ora / che mancava prima del suono della sirena, / accanto al mio reparto, di spalle. / Le loro teste seguire il ritmo, mentre / tiravano il nastro adesivo sulle scatole, seri / e rapidi come se fosse un giorno / come altri, il bancale da finire / prima di sera, meglio due minuti / prima, così da riuscire anche a rassettare, / pulire per bene il posto. // Stamani abbiamo festeggiato insieme / i miei cinquantun anni, nei cinque / minuti di pausa – ho portato un vassoio / di pasticcini, e coca-cola, e fanta. //  Ora, mentre sto scrivendo, sono a casa. / I miei due figli mi hanno regalato un libro / ciascuno: il maggiore uno di poesia, / il piccolo un manuale per smettere di fumare. // Come posso dirgli che ci sono tante / di quelle cose che fanno più male di una / sigaretta, ormai, in questa realtà soffocante? / Come posso dirgli che poesia / ne scorgo sempre meno, in questo / mondo di squali e di poveri schiavi?


 

 

Senza nissùn Ulisse

 

Vento, fòra, che fa sbàter i balconi.

L'urlo longo de 'na 'nbueànzha

che passa, col só cargo de doeór

- fàea 'rivàr in tenpo, fa che 'l se

salve - e mì che lèdhe Walcott

intant che el mondo intièro

l'é isoeà, serà in quarantena.

 

“something still fastens us forever to the poor”

(calcòssa ne liga 'ncora e par senpre ai poréti)

 

intant che 'a desperazhión la 'é colma,

e scumìnzhia 'i assalti ai supermercati.

 

Quant lo 'véneo dita, come Cassandre

ciapàdhe par seme, che cussì, cussì

sgaìva no'a podhéa pì continuàr?

 

El vent de stamatina el ne 'o ricorda.

Basta dise i balconi che sbate, basta

a quei che sbàtoea de un profito che

no' tièn de conto l'òn, che no'iuta

tuti quei che resta indrìo, che sofre.

 

Oh Walcott, nostro Omero de isoe,

de pòpoi servi e coeònie sfrutàdhe,

che te 'à cantà el sudór dei s.ciavi,

'a miseria de quei desmentegàdhi,

'e tó paròe bate, toc toc, insieme

a 'sti balconi che bussa tel fondo

dee nostre àneme straviàdhe,

'e zhiga insieme ae sirene che canta

l'apocaìsse che ne fa tuti conpagni,

naufraghi persi in mèdho aa borasca

senza nissùn Ulisse a bordo, senza

nissùn scudo 'ndo 'scónderse drio,

senza pì nissùn dio che ne 'scolte.

 

 

Senza nessun Ulisse

 

Vento, fuori, che fa sbattere i balconi. / L'urlo lungo di un'ambulanza / che passa, col suo carico di dolore / - falla arrivare in tempo, fa che si / salvi – e io che leggo Walcott / mentre tutto il mondo / è isolato, chiuso in quarantena. // “something still fastens us forever to the poor” / (qualcosa ci lega ancora e per sempre ai poveri) // mentre la disperazione è colma, / e hanno inizio gli assalti ai supermercati. // Quanto lo abbiamo ribadito, come Cassandre / prese per sceme, che così, così / impari non poteva continuare? // il vento di stamani ce lo rammenta. / Basta dicono le imposte che sbattono, basta / a quelli che cianciano di un profitto che / non tiene conto dell'uomo, che non aiuta / coloro che rimangono indietro, che soffrono. // Oh Walcott, Omero del nostro tempo, di isole, / popoli servi e colonie sfruttate, / che hai cantato il sudore degli schiavi, / la miseria di quelli dimenticati, / le tue parole battono, toc toc, insieme / a queste imposte che bussano nel fondo / delle nostre anime distratte, / urlano assieme alle sirene che cantano / l'apocalisse che ci rende tutti uguali, / naufraghi persi in mezzo alla burrasca, / senza nessun Ulisse a bordo, senza / alcuno scudo cui ripararsi, / senza più nessun dio che ci ascolti.


 

 

El pomo ross

 

Quea che no' torna pì casa dal lavoro.

 

L'é restà un pomo pudhà sora ‘l banco,

- fra'l metro e ‘l vasòt co'e biro - ross

come quel che ‘a striga ghe ‘à portà

a Biancaneve, come quel de Eva.

 

Fra ‘l pomo e ‘l piano ‘na salvieta

de carta, bianca, un fòjio nudo,

el bianco dea polpa scavàdha dai denti,

un mors sol. Fra ‘l bianco dea polpa

e ‘l ross dea scòrzha, ‘na ranèa rùdhene.

 

Asséo là. No' ste tocarlo. Che ‘l marzhìsse,

el se infiapìsse, se ssughe su fra i gas

e i cridhi del fèro, tel reparto. Che ‘l mace

‘a salvieta e reste un rosegòt nero sora

‘a carta grisa scrita daa polvara, come

‘na letera de adìo, come ‘na accusa.

 

 

La mela rossa

 

Quella che non ritorna più a casa dal lavoro. // Rimane una mela sopra il banco, / - fra il metro e il vasetto con le biro – rossa / come quella donata dalla strega / a Biancaneve, come quella di Eva. // Fra la mela e il piano una salvietta / di carta, bianca, una pagina nuda, / il bianco della polpa scavata dai denti, / un morso soltanto. Fra il candore della polpa / e il rosso della buccia, una rondella arrugginita. // Lasciatela lì. Non toccatela. Che marcisca, / si consumi fra i gas / e le strida del ferro, nel reparto. Che chiazzi / la salvietta e rimanga un torsolo nero sopra / la carta ingrigita scritta dalla polvere, come / una lettera d'addio, come un'accusa.


 

 

Mondo

 

Son qua che varde mé fiòl

e ‘na só amighéta tuti intenti

a zogàr col pongo, far su omenéti,

caséte, strani animài, destiràdhi

tel tàpeo, co'i pìnini descalzhi.

E dopo, come i fa òni tant i putèi

(noàntri invezhe pì spess) stufarse,

o chissà, ‘n'antra forma de arte,

divertirse a strazhàrle, schinzhàrle,

incoeàrle su tute quante chee statue,

a inpastàr ‘na polpeta, un bàeon,

(‘na spèzhie de pìcoeo mondo

de tanti cóeori), i se ‘o passa

de man, i ‘o modhèa, ora lù ora

ea, co' i dedhìni che struca, i palmi

che fraca, che slissa, e intant i se ‘a

ride e i se ‘a gode, e intant che i se

conta calcòssa i ‘o fa ‘ncora pì bon

e rotondo. Co' i só sesti i ‘o salva.

 

 

Mondo

 

Sto osservando mio figlio / e una sua amichetta tutti intenti / a giocare col pongo, creare omini, / casette, strani animali, distesi / sul tappeto, coi piedini scalzi. / E poi, come fanno ogni tanto i bambini / (noi adulti invece più spesso) stancarsi, / o chissà, un'altra forma di arte, / divertirsi a distruggerle, schiacciarle, / incollarle su tutte quante quelle figure, / impastare una polpetta, un pallone / (una sorta di mondo in miniatura / di tanti colori), se lo passano / di mano, lo modellano, ora lui, ora / lei, coi ditini che premono, i palmi / che comprimono, che levigano, e intanto se la / ridono e se la godono, e intanto che si / raccontano qualcosa lo fanno ancora più buono / e rotondo. Coi loro gesti lo salvano.


 

 

Marta l'à quarantatrè àni.

Da vintizhinque ‘a grata

cornìse co'a carta de véro,

el tanpón, ‘a ghe russa via

‘a vernìse dura dae curve

 

del ‘egno; e ghe ‘à restà

come un segno tee man:

carézhe che sgrafa, e onge

curte, da òn. I só bèi cavéi

biondi e bocoeósi i ‘é ‘dèss

 

un grop de spaghi stopósi

che nissùna peruchièra pòl

pì tornàr rizhàr. Co'a cata

‘e só care amighe maestre

o segretarie, ghe par che

 

‘e sie tant pì zóvene de ea,

‘a ghe invidia chee onge

cussì rosse e longhe, i cavéi

lissi e luminosi, chii déi

ben curàdhi, co' i sii pàra

 

drio ‘e rece, i recìni. Le

varda e spess ‘a pensa

al só destìn: tuta ‘na vita

persa a gratàr, a gratarse

via dal corpo ‘a beézha.

 

 

Marta ha quarantatre anni. / Da venticinque / leviga cornici col tampone, / la carta abrasiva, con questi umili strumenti frega / la vernice dura nelle modanature // del legno; e le è rimasto / come un segno nelle mani: / carezze che graffiano, e unghie / tozze, da uomo. I suoi bei capelli / biondi e ondulati sono ormai // un groviglio di spaghi stopposi / che nessuna parrucchiera potrà / più rimodellare. Quando incontra / le sue coetanee, maestre / o segretarie, le sembrano // tanto più giovani, / le invidia quelle unghie / così rosse e lunghe, i capelli / lisci e luminosi, quelle dita / ben curate, quando se li scostano // dietro le orecchie, gli orecchini. Le / osserva e spesso pensa / al suo destino: tutta una vita / persa a grattare, a grattarsi via dal corpo la bellezza.

Newsletter

Iscrivendoti avrai uno sconto del 5% sul tuo primo acquisto