Tempo di libri, attivatori di relazioni.

di Matilde Bignotti -

20.04.17

Una sfida, un tradimento, una guerra e un equilibrio finale stabilito mediante l'istituzione di una nuova società.

Non è la trama di un libro o di un romanzo cavalleresco: ma la storia vera di chi i libri li fa, li espone, ne parla e li vende.

La sfida, lanciata durante l'estate dello scorso anno, riguardava la possibilità di mantenere un Salone del Libro e della Letteratura unico, con sede a Torino come avviene da ormai trent'anni, dislocando però una parte della manifestazione a Milano.

Tuttavia l'accordo non fu raggiunto e l'Aie (Associazione Italiana Editori) ha votato per cambiare strada e, legandosi alla Fiera di Milano ed Ediser, ha dato vita a Fabbrica del Libro SpA, il sodalizio che cura la nuova fiera dell'editoria.

Figlio di questa guerra di Saloni è quindi Tempo di Libri, che ieri tra gli spazi della fiera Milano Rho ha inaugurato la sua prima edizione.

L'evento si concluderà Domenica 23, in concomitanza con la Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore.

La programmazione - ha assicurato Chiara Valerio, curatrice del programma generale - non vuole contrapporsi a quella del Salone di Torino, che si terrà dal 18 al 22 Maggio 2017.

A Milano il Tempo è rivolto alla ricerca di una nuova direzione, quella del coinvolgimento: il salone di Tempo di Libri ospiterà “una grande festa il cui carattere innovativo partirà dal rapporto tra editori, autori e lettori”.

Nei 35mila metri quadrati della Fiera ci sarà certo posto per tutti, lo spazio è organizzato in un ampio auditorium e 17 sale nelle quali sono in programma 720 incontri.

524 editori partecipano a questa fiera: dai grandi nomi del settore alle medie e piccole case editrici indipendenti.

Anche Ronzani Editore è presente all'interno dello stand della Regione Veneto situato nel padiglione 4 (Q12-S11). La casa editrice di Vicenza, dopo appena un anno e mezzo di vita, quattro libri pubblicati e molte iniziative culturali in tutta Italia, partecipa all'evento assieme ad altri piccoli e medi editori veneti.

La fiera è pensata ed organizzata con e dagli editori, e l'editoria sarà celebrata e indagata nei suoi molteplici aspetti: creazione di un libro, storia della copertina, pubblicazioni, dati, distribuzione e vendita online.

Gli autori sono gli altri grandi protagonisti della manifestazione, e non mancano i nomi molto noti, quali: David Almond, Corrado Augias, Brit Bennett, Gianrico Carofiglio, Sveva Casati Modignani, Aidan Chambers, Javier Cercas, Guy Delisle, Ildefonso Falcones, Marcello Fois, David Grossman, Francois Jullien, Sophie Kinsella, Carlo Lucarelli, Valerio Magrelli, Valerio Massimo Manfredi, Michela Murgia, Edna O'Brien, Francesco Piccolo, Roberto Piumini, Massimo Recalcati, Clara Sanchez, Luis Sepulveda, Andrea Vitali, Irvine Welsh, Abraham Yehoshua: e sono solo alcuni tra i 2 mila protagonisti del panorama nazionale ed internazionale che si aggireranno tra le sale della fiera in questi giorni.

Tuttavia i temi trattati non riguarderanno solo la letteratura, ma anche il giornalismo, lo spettacolo, lo sport, la musica, la politica, la cucina, la ricerca scientifica, l'innovazione tecnologica e molto altro.

La Fiera, affrontando argomenti dei più disparati interessi, si propone di assomigliare ai lettori, proclamati protagonisti dell'evento.

Il programma è suddiviso in diverse sezioni (Generale, a cura di Chiara Valerio, 0-18 definito da Pierdomenico Baccalario, Professionale curato da Giovanni Peresson) in modo che i visitatori di ogni età, genere e professione possano facilmente orientare la giornata seguendo i loro interessi.

Sebbene possa apparire complicato districarsi tra l'ampia scelta di eventi proposti, la semplicità della classificazione alfabetica aiuterà la scelta, e un piccolo gioco, che unisce piacere e virtù, accompagnerà i visitatori: essi possono organizzare la visita componendo semplici parole che poi, lettera per lettera, sveleranno gli appuntamenti della manifestazione.

D per Dissidente, R per il centenario della Rivoluzione Russa, A come Avventura, S di Sangue, la J riservata a Jane Austen: tematiche, storie, personaggi, forme artistiche completamente diverse si riuniranno anche nelle parole più banali.

Estranea al consueto alfabeto è la @, segno grafico coniato dai mercanti veneziani del VI sec. rappresentante l'anfora, un'unità di misura. La a commerciale a Milano rappresenta oggi un Tempo completamente diverso: quello della modernità, del digitale.

Alla Fiera di Milano i libri vengono intesi come “attivatori di relazioni” (Michela Murgia), relazioni tra editori, autori e lettori, tra ambiti differenti, tra passato e futuro, e anche tra Fiera e città. Infatti, Milano viene attivamente coinvolta dal programma Fuori Tempo di Libri in performance musicali, maratone di lettura, cocktail e cene letterarie, giochi, aperture serali di biblioteche.

Info

Come arrivare

Come arrivare a Tempo di Libri, in auto, metropolitana, treno, aereo: tutte le informazioni QUI

Biglietti

È attiva la prevendita dei biglietti di Tempo di Libri: tutte le informazioni QUI.

da instagram

Newsletter

non perdere offerte e novità sui libri, gli eventi e molto altro ancora